09/07/2020 14:11:00

Sicilia, fa prostituire la figlia di 14 anni. Condannata ad otto anni di reclusione

 Faceva prostituire la figlia di quattordici anni. Una donna è stata condannata a 8 anni di carcere e 80.000 euro di multa.

Condannati anche i menfitani Vito Campo, di 69 anni, a 6 anni, e Calogero Friscia, di 25, a 4 anni di reclusione. Per questi due, l’accusa è di ever commesso atti sessuali con la ragazzina di appena 14 anni.

Gli atti sessuali si sarebbero svolti tra Menfi e Gibellina. L’indagine nasce da un blocco di un’auto nel corso di un normale controllo del territorio effettuato dai carabinieri nel dicembre 2017 sulla statale 624 che conduce a Sambuca di Sicilia. I militari dell’Arma si sono insospettiti nel vedere a tarda notte a bordo una ragazzina in compagnia di Pietro Civello (Sotto processo a Sciacca con rito ordinario). Le dichiarazioni rilasciate da Civello non convinsero i carabinieri e condussero quest’ultimo e la ragazzina in stazione a Menfi.

Da lì una serie di approfondimenti che hanno dato luce ad una storia di degrado e nella quale la vittima era la ragazzina 14enne, costretta a subire atti sessuali per somme tra 30 e 200 euro. La madre accompagnava la figlioletta nei luoghi in cui si consumava la terribile vicenda.

A processo anche Pietro Civello, di 63 anni, di Gibellina, e Vito Sansone, di 43 anni, di Menfi. Per loro si sta proseguendo con il processo con rito ordinario celebrato a Sciacca.



https://www.tp24.it/immagini_banner/1596708895-ct-20.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1596443336-agosto-2020.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1596438976-saldi-estivi-50.gif