13/10/2021 06:00:00

 Green Pass, due giorni al via. In Sicilia 700 mila lavoratori no-vax. Ecco chi controlla
 

Due giorni al via della nuova legge sul Green Pass obbligatorio nei luoghi di lavoro, e la Sicilia ha ancora più di 700 mila non immunizzati in età vaccinabile.


Il rischio è che molti settori, dagli uffici pubblici ai trasporti, possano paralizzarsi.
Sono esattamente 723 mila i siciliani, tra le fasce dei lavoratori, 29-69 anni, non vaccinati. Da venerdì per lavorare dovranno vaccinarsi oppure fare un tampone ogni 48 ore. Si ragiona in queste ore, in ogni azienda, sui controlli sul green pass: chi assumerà vigilantes nelle fabbriche, chi farà dei controlli a campione, chi avrà un addetto. Le aziende non possono trattenere il Qr code del green pass. Chi non avrà il green pass rischia la sospensione.
Ieri, intanto, il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, su proposta del ministro dell'economia e delle finanze, Daniele Franco, del ministro della salute, Roberto Speranza, e del ministro per l'innovazione tecnologica e la transizione digitale, Vittorio Colao, ha firmato il Dpcm con le modalità di verifica del possesso delle certificazioni verdi COVID-19 in ambito lavorativo. Il decreto interviene per fornire ai datori di lavoro pubblici e privati gli strumenti informatici che consentiranno una verifica quotidiana e automatizzata del possesso delle certificazioni.
I controlli del Green pass nei luoghi di lavoro pubblici e privati potranno avvenire attraverso "l'integrazione del sistema di lettura e verifica del QR code del certificato verde nei sistemi di controllo agli accessi fisici, inclusi quelli di rilevazione delle presenze, o della temperatura".
"I soggetti che, per comprovati motivi di salute, non possono effettuare il vaccino contro il Covid-19, dovranno esibire un certificato contenente l'apposito "QR code" in corso di predisposizione. Nelle more del rilascio del relativo applicativo, il personale esente - previa trasmissione della relativa documentazione sanitaria al medico competente dell'amministrazione di appartenenza - non potrà essere soggetto ad alcun controllo".
I clienti non sono tenuti a verificare il green pass dei tassisti o dei conducenti di Ncc. Lo precisano le Faq sui controlli del green pass pubblicate da Palazzo Chigi.


"Il lavoratore, pubblico o privato, è considerato assente ingiustificato, senza diritto allo stipendio, fino alla presentazione del green pass". Lo ribadisce una Faq del governo sull'obbligo di Green pass. Le sanzioni per chi acceda al lavoro senza pass vanno da 600 a 1500 euro, più "le sanzioni disciplinari" dei "contratti collettivi di settore". Oltre allo stipendio si perde ogni "altra componente della retribuzione, anche previdenziale, con carattere fisso e continuativo, accessorio o indennitario. I giorni di assenza non concorrono alla maturazione delle ferie e comportano la perdita della relativa anzianità di servizio".

 

I dati siciliani
Sono 273 i nuovi casi di Covid19 registrati nelle ultime 24 ore a fronte di 13.879 tamponi processati in Sicilia. L'incidenza sale al 2% lunedì era all'1,8%.
L'isola è al terzo posto nei contagi giornalieri, al primo c'è il Veneto con 342 casi al secondo la Lombardia con 306 nuovi positivi. Gli attuali positivi sono 10.036 con una diminuzione di 617 casi. I guariti sono 878 mentre si registrano altre 12 vittime che portano il totale dei decessi a 6.909. Sul fronte ospedaliero sono adesso 379 i ricoverati, 8 in meno rispetto a lunedì mentre in terapia intensiva sono 39, tre in meno. Sul fronte del contagio nelle singole province: Palermo con 54 casi, Catania 99, Messina 30, Siracusa 31, Ragusa 3, Trapani 19, Caltanissetta 5, Agrigento 16, Enna 16.
La Sicilia è in zona bianca, i ricoveri scendono, la vita scorre quasi come prima, con l'eliminazione delle distanze a cinema e a teatro, o le scuole che sono tornate tutte in presenza. Un ottobre dolce, non c'è che dire, mentre un anno fa inseguivamo le prime chiusure e ci preparavamo ad un tristissimo Natale blindato.
In Sicilia il virus scende da giorni, e meno che nel resto d'Italia, dove la curva, che ha iniziato la sua salita a Luglio, ha poi cambiato direzione, con questa quarta ondata diventata un' "ondatina". Come mai? La risposta è una soltanto: i vaccini e il green pass. Con la gran parte della popolazione vaccinata il contagio è molto difficille, i ricoveri rimangono bassi, e il green pass è uno strumento che permette di evitare comportamenti "promiscui".
Tutto bene? Non esattamente, perchè, ormai, dopo due anni, abbiamo capito come funziona il coronavirus. Come tutti i virus, sale e scende. E poi risale. E quindi aspettiamoci in Sicilia una nuova ondata di contagi. Quando? Secondo alcuni, a guardare i dati, la discesa si è già arrestata, tempo qualche giorno e i contagi saliranno.

 

 

La situazione in provincia di Trapani
Sono 658 i positivi al Covid 19 in provincia di Trapani. Sono tre le vittime registrate ieri che portano il totale dall'inizio della pandemia a 410. Secondo il report dell'Asp sono 20 le persone ricoverate a causa del Covid, 7 in terapia semi-intensiva e 13 in regime ordinario.
Questi i dati nel dettaglio, tra partentesi la differenza con i dati di lunedì.
Alcamo 57 (-15); Buseto Palizzolo 0; Calatafimi-Segesta 6; Campobello di Mazara 28; Castellammare del Golfo 59; Castelvetrano 47; Custonaci 6; Erice 86 (-3), Favignana 3; Gibellina 0; Marsala 103 (+1); Mazara del Vallo 58 (+4); Paceco 15; Pantelleria 3; Partanna 10; Petrosino 23; Poggioreale 1; Salaparuta 0; Salemi 4; San Vito Lo Capo 10; Santa Ninfa 6; Trapani 121 (-10); Valderice 11; Vita 1.
Totale casi attuali positivi: 658 (-27)
Deceduti in totale 410 (+3)
Guariti totali 19132 (+37)
Ricoverati in terapia intensiva 0
Ricoverati in terapia semi-intensiva 7 (+0)
Ricoverati regime ordinario 13 (-1)
Tamponi molecolari 464
Test rapidi 124

 

 

Made with Flourish


Il virus in Italia
Sono 2.494 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 1.516.
Sono invece 49 le vittime in un giorno, ieri erano stata 34.
Sono 370 i pazienti ricoverati in terapia intensiva per il Covid in Italia, 4 in meno rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 21 (ieri 18). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 2.665 (ieri 2.688), rispetto a ieri sono 23 in meno.
Sono 315.285 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia. Ieri erano stati 114.776. Il tasso di positività è allo 0,79%, in calo rispetto all'1,3% di ieri.



https://www.tp24.it/immagini_banner/1634203156-cabina-beauty.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1633704416-super-toys-nuova-apertura.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1633533095-istituzionale-ottobre.jpg
<