×
 
 
15/08/2022 11:42:00

Diecimila giovani all'Unlocked Music Festival. La notte della legalità a Selinunte

 Più di diceimila giovani sabato sera si sono ritrovati al Parco di Selinunte dove si è svolto l'evento "Musica & Legalità" e la mostra dell'ANSA "L'eredità di Falcone e Borsellino", iniziativa promossa dalla testimone di giustizia Valeria Grasso. 

Nel parco archeologico più grande d'Europa, vicino al tempio di Hera, il dj Paul Kalkbrenner, artista tedesco di musica elettronica di fama internazionale, ha animato l'Unlocked Music Festival.  All'evento ha partecipato anche il Capitano Ultimo, il colonnello dei carabinieri Sergio De Caprio che nel 1993 arrestò Totò Riina.

Per la nuova tappa del progetto Musica e Legalità, c'è stato il patrocinio del ministero della Salute, dal palco di Unlocked Music Festival - sotto la conduzione di Davide Riotta - sono stati tantissimi i contributi a sostegno dell’iniziativa: raccontare la legalità ai giovani attraverso il canale leggero e aggregativo della musica.

Il messaggio del colonnello dei carabinieri Sergio De Caprio che ha voluto lanciare ai ragazzi che ieri erano a Selinunte: “Sono diventato uomo grazie alla Sicilia e al popolo siciliano. Insieme a questa gente abbiamo lottato fianco a fianco per combattere contro l'arroganza, la violenza, contro quelli che sfruttano. Contro la mafia che crea i recinti e le barriere. Vogliamo abbattere quelle barriere, abbattere quei recinti, non c'è nessun recinto che può tenere il nostro amore, il vostro amore, la vostra rabbia, la vostra dolcezza, la vostra voglia di libertà. E quest'amore fa paura e devono avere paura di voi. Credete nella vostra irrequietezza, nel vostro amore, nella vostra insicurezza, nella vostra fragilità. Perché è il vostro momento. Cantate più forte. Vi voglio bene”.

L'appello di Valeria Grasso, l'imprenditrice che vive sotto scorta dopo avere denunciato il clan Madonia, storica famiglia mafiosa del mandamento palermitano di San Lorenzo: "Lo Stato non può e non deve abbandonare chi si si ribella al pizzo, chi si oppone alla mafia e diventa un perno fondamentale per la lotta alla criminalità. Chi ha denunciato deve essere sostenuto, supportato, deve fare la differenza. E la differenza la fanno i fatti e non le parole".

 

 



https://www.tp24.it/immagini_banner/1663836639-sf26.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1661790043-apposta-per-te-omaggio.gif
<