Quantcast
×
 
 
16/10/2022 10:23:00

Marsalese assolto dalle accuse di stalking e minacce all'ex compagna

 Con derubricazione del reato più grave (stalking), assoluzioni e remissione querela per altri capi d’imputazione, si è concluso, in Tribunale, un processo che vedeva alla sbarra un 31enne marsalese, Walter Crimi, denunciato dall’ex compagna, una coetanea che vive a Mazara.

Le accuse dalle quali si è dovuto difendere erano atti persecutori, ovvero “stalking”, minacce, violazione di domicilio e danneggiamenti. Il pm aveva invocato una condanna a due anni di reclusione, ma il giudice monocratico Massimiliano Alagna, accogliendo le argomentazioni dell’avvocato difensore Francesca Favata, ha scagionato l’imputato. Nel dettaglio, il giudice ha
disposto l’assoluzione per i due contestati caso di danneggiamento “perché non più previsti dalla legge come reato”, mentre per lo stalking il magistrato lo ha prima riqualificato nel reato di “maltrattamenti contro familiari” e poi ne ha sentenziato l’assoluzione “perché il fatto non sussiste”.

Escludendo, quindi, le aggravanti, ha dichiarato il “non doversi procedere per remissione di querela” per la violazione di domicilio e per i due casi di minaccia. Alla fine, l’avvocato Francesca Favata si è detta “soddisfatta per il risultato raggiunto”, dopo aver affermato in dibattimento che il reato di stalking “non sussisteva per mancanza degli elementi costitutivi della fattispecie”. E questo perché l’ex compagna del Crimi “non aveva modificato le proprie abitudini di vita”. I fatti contestati dall’accusa abbracciavano un arco temporale ristretto: tre giorni, dal 22 al 24 maggio 2020, e si sarebbero svolti a Mazara del Vallo.

Qui, secondo il capo d’imputazione, Walter Crimi avrebbe prima minacciata l’ex compagna (“sono capace di prenderti a schiaffi davanti a tutti”), poi scavalcando il muro di cinta si sarebbe introdotto nello spazio circostante l’abitazione della donna. Quindi, nel tentativo di entrare in casa, avrebbe rotto una persiana e successivamente con questo pezzo di legno le ha sfondato il parabrezza dell’auto. Poi, un’altra minaccia (“vi ammazzo tutti prima o poi”).



Giudiziaria | 2024-03-01 08:12:00
https://www.tp24.it/immagini_articoli/24-03-2021/1616566080-0-etna-un-altra-eruzione-fontane-di-lava-e-boati-il-video.jpg

Patteggiamento rigettato per l'ex preside antimafia 

 Il gup di Palermo ha rigettato il patteggiamento a 1 anno e 10 mesi di carcere per Daniela Lo Verde, ex preside "antimafia" della scuola Falcone dello Zen a Palermo, e per il suo vice Daniele Agosta. I due  accusati di peculato...