Quantcast
×
 
 
25/01/2023 13:11:00

Messina Denaro, Bonafede non parla davanti ai giudici 

 Scena muta. Andrea Bonafede, colui che, da incensurato, ha prestato l’identità al boss di Cosa Nostra (negli ultimi anni di latitanza) è finito in carcere a Palermo e lì, oggi, è stato sottoposto all’interrogatorio di garanzia. L’accusa, nei confronti del 59enne geometra di Campobello di Mazara (paesino in provincia di Trapani), è di associazione mafiosa. Bonafede si è avvalso della facoltà di non rispondere.

L’interrogatorio di garanzia nei confronti di Andrea Bonafede è iniziato intorno alle ore 11 di nel carcere Pagliarelli di Palermo. Presenti anche il procuratore Maurizio De Lucia e il pm della Direzione distrettuale antimafia, Piero Padova.

Il giudice per le indagini preliminari (gip) a condurre l’interrogatorio nell’aula bunker del carcere era Alfredo Montalto. Bonafede si è avvalso della facoltà di non rispondere.

Intanto è stata rafforzata la scorta a Paolo Guido, il sostituto procuratore che ha condotto le indagini. 



Antimafia | 2023-02-05 10:00:00
https://www.tp24.it/immagini_articoli/24-03-2021/1616566080-0-etna-un-altra-eruzione-fontane-di-lava-e-boati-il-video.jpg

Mafia e Messina Denaro, Cracolici all'attacco del Tg1

Il presidente della Commissione antimafia dell'Ars, Antonello Cracolici, ha attaccato duramente il Tg1. Cracolici è stato a Castelvetrano, giovedì, con la commissione, per una riunione nella città di Matteo Messina Denaro, dopo...

https://www.tp24.it/immagini_banner/1673947509-qashqai-e-power.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1675248244-etta-focu.gif
<