Quantcast
×
 
 
05/07/2024 06:00:00

La questione Forza Italia a Marsala che la politica fa finta di non vedere

 C’è una questione Forza Italia a Marsala che il mondo della politica fa finta di non vedere, che i vertici regionali azzurri rimandano nella loro risoluzione.

Semplicemente non interessa a nessuno, le europee sono passate e dunque si vedrà forse dopo l’estate.

Il fatto è questo: Fratelli d’Italia insieme a Forza Italia, con le firme dei rappresentanti locali, ha deciso di diramare una nota per suffragare la necessità dell’aumentano della Tari, la tassa sui rifiuti.

In verità i meloniani sono legittimati a parlare in nome e per conto del partito, Forza Italia ha invece una situazione molto ibrida, il gruppo in consiglio comunale non esiste se non quello riconducibile a Elia Martinico e a Enzo Sturiano, gli altri sono dei tesserati che, dicono, di avere fatto richiesta di adesione. Tuttavia la convocazione del gruppo non è mai avvenuta e non si conoscono le ragioni.

Viene, pertanto, in quel comunicato utilizzato il simbolo del partito, la bandiera tricolore, che in verità può essere utilizzata dietro condivisione del segretario provinciale. Le regole interne ad un partito valgono anche quando i segretari non piacciono.

Non è mancata la risposta, ieri mattina durante i lavori del consiglio comunale, della consigliera Martinico: “Apprendo da un comunicato stampa che Forza Italia avrebbe appoggiato  l'aumento della Tari.  Questa circostanza mi costringe a precisare in maniera netta, chiara e  risoluta che nessuno - e dico NESSUNO - degli organi preposti a  determinare la linea politica del partito a livello comunale ha avallato  questa decisione. Non lo ha fatto il segretario provinciale Toni Scilla, non lo ha fatto il  direttivo provinciale, e non l'ho fatto io che sono la delegata comunale di  Marsala, e che rappresento Forza Italia in città e in quest'assemblea. Se un gruppo di consiglieri e di assessori vuole rivendicare l'aumento della  Tari a titolo personale, ne ha naturalmente piena facoltà”.
Poi arriva la diffida: "Nessuno è legittimato a impegnare Forza Italia in una battaglia politica  che gli organi competenti non hanno promosso né approvato, e come  delegata comunale diffido chiunque dal parlare a nome del nostro  movimento, e dall'utilizzare il nostro logo in iniziative di parte. Mi ripeto, per essere compresa senza equivoci sia dai cittadini che dalla  stampa, e smentire categoricamente le notizie apparse ieri: Forza Italia  NON ha in alcuna maniera sostenuto l'aumento della Tari. Forza Italia in questo è coerente con le proprie scelte e con il proprio  DNA: l'impegno per la riduzione delle tasse è una caratteristica fondante  del nostro movimento, da sempre, e non saranno queste circostanze a farci  mutare orientamento. Se la settimana scorsa mi sono astenuta sulla delibera di aumento della  Tari, ciò è avvenuto solo per l'impegno preso dall'assessore Agate di  rimodulare le tariffe. Ora vigilerò affinché questo impegno sia mantenuto, e continuerò ad  adoperarmi con senso di responsabilità e con rispetto verso la cittadinanza. Quello stesso rispetto che al contrario è mancato al sindaco Grillo, che la  scorsa settimana non ha nemmeno avuto il coraggio di presentarsi in aula a  sostenere il suo provvedimento”.

Il problema è politico. Una diffida arriva a consiglieri e assessori che sono di Forza Italia ma non c’è formale riconoscimento da parte degli organi preposti nè provinciali nè regionali.

Il problema è interno al partito ma anche in capo al capogruppo di Forza Italia, Stefano Pellegrino, che ha avallato tutte queste operazioni ma non ha saputo garantire copertura ai singoli, che oggi si ritrovano diffidati di fronte alla città.

Sono mesi che l’imbarazzante questione va avanti e pare che a parte qualche timido accenno non c’è volontà davvero di porre la questione sul tavolo regionale.
E’ chiaro che a prevalere è la linea del coordinatore provinciale Toni Scilla, linea che è approvata e avallata, fino a prova contraria, da quella regionale.
Non lo dice la narrazione dei singoli ma i fatti che ad oggi non sono stati posti in essere.



Politica | 2024-07-11 19:29:00
https://www.tp24.it/immagini_articoli/24-03-2021/1616566080-0-etna-un-altra-eruzione-fontane-di-lava-e-boati-il-video.jpg

Erice, Pd contro Aiello

 Ad Erice è scoppiato un acceso confronto tra il Partito Democratico e la Vice Presidente del Consiglio Comunale, Assunta Aiello. Il PD ha chiesto le dimissioni della Aiello, accusandola di contraddizioni e di aver mal gestito le...