15/08/2012 09:20:28

C'era una volta... di Vita Tumbarello

Era stata eletta a furor di popolo ed ella aveva promesso un regno così ricco e pulito che sarebbe andato lontano (d'altronde il combustibile non le mancava).
Ogni mattina la brava Regina controllava personalmente ogni cortiletto, ogni viuzza perché tutto doveva essere lindo e libero dalla spazzatura.
Dovete sapere che la Regina era si bella e intelligente ma perdeva facilmente la pazienza e così quando un brutto giorno il ciambellano di corte le si presentò dicendo: "Maestà il Regno è invaso dai cani randagi ! ", la Regina chiamò immediatamente il cacciatore ordinandogli di abbatterli.
Il povero cacciatore, già perseguitato dal "WWF", spiegò timidamente alla Regina che forse ciò avrebbe suscitato le ire dei regni confinanti ed allora la Regina convenì che forse era meglio addormentarli dolcemente.

Purtroppo nel regno l'acqua scarseggiava e la Regina, magnanimamente, cercava di erogarla equamente a tutti i sudditi ma un ingordo oste si lamentò della scarsità di approvvigionamento idrico e la Regina, che non sopportava vedere i suoi sudditi infelici, ordinò che fosse immediatamente allontanato dal regno.
La nostra era una Regina molto impegnata, infatti oltre che governare il suo reame, era nel consiglio reale di un regno più grande e per questo motivo a volte faceva confusione e non rammentava più quali editti aveva emanato e quali divieti aveva dato (come nel caso di un certo lido abusivo), perciò aveva nominato tanti consulenti che pur di starle vicino lavoravano "pro bono" ma essi erano così affascinati della loro Regina che non riuscivano a contraddirla.
Insomma nel Regno la confusione era totale e i sudditi, che pur l'amavano, cominciavano a sperare che arrivasse un bel Principe su di un cavallo bianco e la portasse via.
Ma un bel giorno ..................................................