07/01/2016 06:30:00

Dopo la foto, le denunce. La missione impossibile dei cartelli turistici a Marsala.

 Tutti fermi, l'epopea dei pali della segnaletica turistica a Marsala continua. Mettere un cartello con il nome di un hotel o di un b&b è la principale missione in città per dar il là al rilancio del comparto turistico. Ma la cosa è dura, un'impresa. E' più semplice completare il Monumento ai Mille, alzare un palazzone abusivo, è più facile riasfaltare tutte le strade, stradelle, trazzere, e “chiani” della città. Iniziare e completare il porto di Marsala. L'Ast, che non è l'azienda di autobus ma l'associazione strutture turistiche, ha ricominciato a piantare i cartelli delle strutture alberghiere in città. Ve lo ricordate il primo? Messo in via Punica, con tanto di foto con il sindaco Alberto Di Girolamo, il presidente del consiglio comunale, e tanti altri. Tutti sotto il palo, per un evento eccezionale. Il palo è sempre lì, come l'impronta di Neil Armstrong sul suolo lunare. E gli altri? Ci sono difficoltà per i tanti cartelli abusivi. E cosa non lo è in questa città, abusivo? Ecco cosa scrive il presidente dell'Ast Gaspare Giacalone.

“I lavori si svolgono con una certa difficoltà perché bisogna trovare posto tra una selva cartelli, abusivi, con autorizzazioni scadute (quasi tutti), non rispondenti al codice della strada, ecc. In pazza Caprera per esempio ci siamo fatti carico, di eliminare una installazione in cui in cui le ditte non esistevano più ed una che non pagava la tassa sulla pubblicità da diversi anni”.

L'associazione che aveva trovato l'appoggio del sindaco Di Girolamo però adesso gli fa la predica.

“Sarebbe stato opportuno che prima di installare questa nuova segnaletica l’Amministrazione Comunale facesse un po’ di pulizia di tutta questa segnaletica vecchia o no rispondente alle norme (tutte i segnali marrone delle strutture alberghiere non sono più conforme al C.d.S.). Una verifica della cartellonistica la chiederemo nei prossimi giorni all’Amministrazione Comunale”.

In tutto ciò i cartelli sono stati sradicati.


“Durante il weekend di Natale e Santostefano due cartelli sono stati divelti: uno è stato abbandonato nei pressi e l’altro non siè più trovato. Di ciò il sottoscritto ha effettuato denuncia contro ignoti, notificandola anche ai VV.UU. e ai Carabinieri : il percorso è ancora lungo , prima di Natale ne avevamo collocati meno di 10 . Oggi in totale tra ripristini e nuove insegne sono 18.
Si chiede una collaborazione delle forze dell’ordine e dei cittadini tutti. I cartelli delle strutture alberghiere sono privati, ma hanno una valenza pubblica, nel momento in cui contribuiscono ad un migliore decoro urbano e sono collocati secondo percorsi ragionati.