16/11/2016 19:00:00

"2 Novembre" di Salvatore Agueci

Dui Nuvembri

Ricurrenza si’ ogn’annu,
pi nichi e ranni,
ri cu ‘un c’è chiù.

Lu munnu di li antinati si rammenta
pi continuità dari
e li nostri affetti richiamari.

Guai si sulu pinseri è
e ‘n alimenta la spiranza
di vita canciari e lu creatu migghiurari.

Cu ni pricidiu
lu tempu ni richiama chi scurri:
a li virità ‘mpurtanti attaccarini cummeni
e finu all’urtimu suspiru luttari.

A visita o Campusantu significatu avi,
si li ciuri e li lumina
profumu fannu cu lu viviri
e ardinu ogni gnornu di virtù.

Anchi si la vita
comu fumu passa,
‘un mori a nostra identità,
u beni fattu n’accumpagna ni l’ardilà.

2 Novembre

Ricorrenza sei ogni anno,
per piccini e adulti,
di chi non c’è più.

Il mondo dei morti si ricorda
per continuità dare
e i nostri affetti richiamare.

Guai se solo pensiero è
e non alimenta la speranza
di vita cambiare e il creato migliorare.

Chi ci ha preceduto
il tempo ci richiama che scorre:
alle verità importanti attaccarci conviene
e fino all’ultimo respiro lottare.

La visita al Camposanto significato ha,
se i fiori e i lumini
profumo fanno con il vissuto
e ardono ogni giorno di virtù.

Anche se la vita
come fumo passa,
non muore la nostra identità,
il bene fatto c’accompagna nell’aldilà.

Salvatore Agueci