Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
11/01/2018 22:00:00

50 anni dopo il violento terremoto la faglia del Belice è ancora attiva

Dopo 50 anni dal violento sisma la terra si muove ancora nel Belice. Studi hanno rivelato piccole fratture, sollevamenti del terreno e altre anomalie tra Castelvetrano e Capo Granitola. Una linea studiata dagli esperti attraverso le immagini satellitari e l'analisi di dati geodetici. Gli studiosi hanno confermato che c'è ancora una faglia attiva, la stessa che distrusse l'antica Selinunte e stravolse il belicino 50 anni fa. 

Ad effettuare gli studi, che vanno avanti da anni sui fenomeni tellurici nella Valle,  sono stati i ricercatori dell'Ingv di Catania e delle università di Palermo, Catania e Napoli. La ricerca fa parte del progetto "Tettonica della Sicilia sudoccidentale", coordinato da Mario Mattia. Esisterebbero "zone di taglio", dice Mattia, che si sono mosse in zone recenti e sono state rilevate "nel tasso di sollevamento delle antiche linee di costa".


Ti potrebbe interessare anche: