Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
17/05/2018 12:10:00

Volley. Chi è Federica Foscari. Il libero di Castelvetrano nel racconto delle ex compagne

 Solare, determinata, grintosa: sono solo tre degli aggettivi che più si addicono a Federica Foscari, giocatrice di volley selinuntina.

Quando gioca si nota subito. La giocatrice ideale che tutte vorrebbero avere come compagna. Ci mette l'anima in ogni palla con l'imperativo: “lo devo tirare su, questo pallone non deve cadere”.
L'abbiamo vista sin da piccola a Castelvetrano. Cresciuta nelle giovanili di Marsala, cui farà ritorno diverse stagioni dopo questa volta in prima squadra (B1). Ha girato tanto la Sicilia per giocare.
Oggi il presente si chiama Catania. Non è cambiata Federica. È quella giocatrice che urla, carica e tiene affiatata una squadra. Insomma il libero di Castelvetrano l'ultima ad arrendersi e che da sempre il massimo dentro il taraflex.

Nel privato è una ragazza socievole e innamorata della pallavolo e del canto (altra sua passione, ndr). La musica e la pallavolo sono delle passioni che ha coltivato di pari passo. E' cantante del genere jazz, concorrendo a molteplici manifestazioni canore.

Abbiamo raggruppato diverse testimonianze (tutte davvero lusinghiere) che ci aiutano a definire il profilo di atleta di Federica Foscari. A partire da chi ha visto muovere i suoi primi passi in campo pallavolistico come Papà Filippo per finire alle ex compagne e amiche di Marsala. Per cominciare ecco cosa di lei ci dice il Papà, tecnico ma di calcio:

Accompagnai mia figlia in palestra quando aveva 5 anni, sin dal primo allenamento si capi' subito che era portata per questo sport, la passione e la sua grande determinazione fecero il resto. A 8 anni giocava con l'under 13 e all'età di 15 aveva già esordito da libero in B2. Figlia d'arte, la mamma Claudia gioco in A2 in quella mitica squadra del D L F Castelvetrano degli anni '80. Infine fu coach Santo Scaglione ad impartire le prime ma fondamentali nozioni tecniche della pallavolo mentre la sua caparbietà le ha permesso nel tempo di potersi confrontare in campionati del panorama nazionale


Una delle sue migliori amiche di sempre e compagna nelle giovanili ai tempi di Marsala, Gavina Tumbarello ci svela:

Ho passato i miei migliori anni giocando con Federica. Tra vittorie e sconfitte ci siamo sempre sostenute a vicenda, oltre ad essere una fantastica giocatrice e compagna di squadra è anche una grandissima amica, mettendo sempre al primo posto gli altri e poi se stessa. Dopo una lunga scalata piena di sacrifici vederla realizzare i suoi sogni ė una cosa bellissima. Continua sempre cosi dando speranza ed emozioni a chi ti sta vicino! Noi crediamo in te!

Chiara Scirè amica ed ex compagna di squadra:

Essere stata compagna di squadra di Federica è stato come avere una sorella sempre al mio fianco. Una certezza, una spalla su cui contare. Essere una sua amica è una fortuna, amiche come lei non si trovano in giro, ed io mi sento onorata di esserlo

La "capitana" di sempre di Castelvetrano ed atleta più rappresentativa in città, Francesca Isoldi:

"Ritrovare Federica sui campi da gioco dopo aver vissuto i suoi primi passi sul parquet è una grande soddisfazione per me come compagna di tante battaglie ma anche per tutta Castelvetrano. Diverse giovani intraprendendo il suo percorso non sono riuscite ad arrivare fino in fondo. Lei grazie alla sua grande determinazione e alla grande voglia di crederci sempre è riuscita a raggiungere grandi traguardi vedi la stagione appena trascorsa. Spero che il suo sogno sia d’esempio per tutte le giovani atlete locali"