31/07/2018 00:00:00

La camera del priore, il libro di Salvatore Corso

La camera del priore - Sinopsis - Una storia ambientata in Sicilia negli anni ’60. L’Io narrante inizia nel 1963 il percorso universitario ed incontra, del tutto casualmente, colui che diventerà il suo mentore, un francescano dalla vivace intelligenza, dal carattere instabile, perennemente contro-corrente. Ne nasce un fitto dialogo che tocca la storia della Sicilia, gli eventi politici maggiormente rilevanti passati e presenti, mentre il mondo attorno a loro vive momenti talvolta drammatici che incideranno profondamente sul destino degli uomini. In questo turbinio di eventi la vita del popolo siciliano, con i suoi pregi e difetti, scorre senza quasi subirne gli effetti.

La narrazione mai si distacca dagli eventi quotidiani che toccano uomini e donne comuni che vengono efficacemente descritti nella loro semplicità, con quella schiettezza di linguaggio che, ai nostri giorni, è considerata non appropriata se non, talvolta, proibita. Frattanto, quel fitto dialogo diventa confidenza e svela un progetto tanto ambizioso, quanto irrealizzabile; ma nella mente di un francescano sognatore non vi sono limiti terreni che lo possano fermare, potendo contare su uomini, che egli considera suoi discepoli in quanto educati al bene collettivo secondo le regole dettate dalla fede in Cristo.

Il 1968 diventa un anno spartiacque per entrambi i personaggi di questo racconto. Il mondo universitario dell’Io narrante vive un momento esaltante per coloro che si illudono e si entusiasmano al cambiamento della società civile. Nel contempo altri, meno influenzati dalle correnti di pensiero dominante, percepiscono il grande fallimento di una retorica subdola, se non talvolta perversa. Il mondo ideale sognato dall’altro protagonista è anch’esso ad un bivio. Bastano pochi passi affinché si realizzi un grande progetto, ma, nel contempo, si rischia di inciampare quando il traguardo è a portata di mano.

Purtroppo, la cruda realtà ha il sopravvento sui sogni che vanno improvvisamente in frantumi. A quel punto il dialogo diventa drammatico e si aprono le strade verso un futuro fitto di mistero.

Biografia - Salvatore Corso è nato nel 1944 a Roma da genitori siciliani. Ha studiato prima a Trapani e poi a Palermo, dove si è laureato in Chimica. Dopo un’esperienza professionale negli Stati Uniti, ha svolto incarichi dirigenziali presso la Fiat di Torino per trentatré anni. Si è inoltre occupato di tematiche ambientali legate all’automobile e di mobilità urbana. La camera del priore è il suo esordio letterario.