Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
06/12/2018 13:00:00

La messa del ceto dei Metallurgici tra passato e presente

 Il ceto dei Metallurgici, affidatario del quarto gruppo dei Misteri di Trapani denominato ‘L'Arresto’ ha celebrato l'1 dicembre Sant'Eligio, patrono della categoria.

La messa in onore del Santo è stata celebrata da Don Nicola Rach presso la chiesa Anime Sante del Purgatorio, dove c’è stata una nutrita partecipazione della maestranza e del ceto degli Orefici con il quale i fabbro ferrai condividono il santo protettore.

In rappresentanza dell'Unione Maestranze hanno presenziato il vice presidente Giovanni D'Aleo e il segretario Antonio Galia.

In questa ricorrenza i Metallurgici hanno voluto la partecipazione di alcune vecchie glorie del ceto ossia consoli e capo-consoli che hanno scritto pagine di storia importanti negli '80 e '90.

“E' stata una grande emozione – racconta Nino Barone, capo console dei Metallurgici – avere tra noi persone importanti verso i quali siamo grati per ciò che in passato hanno fatto per questo gruppo. Oggi, noi tutti – continua – camminiamo sulle loro orme”.

Un sentito momento che ha visto il coinvolgimento delle famiglie in un clima disteso e gioioso dove i ricordi di un tempo hanno trovato spazio in un presente sempre meno sensibile alla Memoria.