Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
13/01/2019 07:00:00

Cani randagi nella cittadella della salute ad Erice. Paura per una famiglia

 Momenti di panico ad Erice per una famiglia composta da padre, madre e un bambino di appena due anni, recentemente minacciata da un gruppo di cani randagi. I cani all’interno delle mura della cittadella della salute, hanno costretto a chiedere l’intervento della Polizia Municipale di Erice.
Tutto si è risolto al meglio, ma emerge ancora il problema del randagismo all'interno della struttura sanitaria.


Sull'episodio è intervenuto il coordinatore regionale di Konsumer Sicilia, Giancarlo Pocorobba, che reputa l'episodio “gravissimo anche in considerazione del fatto che sarebbe onere di ogni Pubblica Amministrazione quello di mettere in atto ogni strumento di tutela per la salvaguardia dell’incolumità dei cittadini”.
Pocorobba ha quindi invitato l'Asp di Trapani a porre in essere ogni azione utile affinché tali fatti non abbiano più a ripetersi, provvedendo, per l’effetto, a tracciare un’attenta analisi di intervento, in tutti i presidi di sua pertinenza, per rendere agibili, rapidi, sicuri e comodi tutti i servizi forniti (Pronto Soccorso, CUP, ambulatori etc.).