Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
12/09/2019 18:49:00

"Chi comanda a Custonaci?". La replica del Sindaco Morfino

 In riferimento all’articolo pubblicato stamani su Tp24.it dal titolo “Chi comanda a Custonaci. C’è un ex dipendente che è di casa all’Ufficio tecnico” il sindaco Giuseppe Morfino precisa quanto segue:  “Le offese e le diffamazioni espresse dal consigliere Bica nell’ultima seduta del consiglio – dice il sindaco Morfino – sono la conferma di un clima intimidatorio permeato sulle minacce. Al Comune di Custonaci non vi è alcun ex dipendente che condiziona le scelte amministrative. Il rispetto delle norme, e dunque della legalità, è la condizione indispensabile su cui si fonda la nostra azione amministrativa che risponde solamente alle regole della trasparenza e ai cittadini. Pertanto, non consentiamo a nessuno, tanto meno a chi vorrebbe con arroganza fare arretrare il Comune rispetto ai temi del civile confronto politico, di pronunciare illazioni che ledono l’amministrazione comunale e l’intera collettività”.

E’ la replica del sindaco Giuseppe Morfino al consigliere Giuseppe Bica che, nella seduta del consiglio comunale dello scorso 9 settembre che gli è valsa l’espulsione dall’aula, ha inasprito i toni accusando l’ex dipendente comunale Baldassare Campo di interferire nell’attività dell’ufficio tecnico.

“Offendere e diffamare le persone e l’amministrazione – dice Morfino - è un esercizio che il consigliere Bica persegue da tempo, ma che nell’ultima seduta del consiglio ha prodotto solamente la sua espulsione dall’aula per non aver rispettato le regole e il presidente del consiglio. La nostra città ha bisogno di essere amministrata e non di essere condizionata dagli orfani del potere. Non arretreremo di un millimetro di fronte alle minacce di chi pensa di intimidirci. Non alimenteremo neppure la politica dell’odio, ma affermeremo semmai il rispetto nei confronti delle Istituzioni e dei ruoli assegnati a ciascuno di noi dalle cittadine e dai cittadini di Custonaci”.