07/10/2019 07:18:00

Sicilia, naufragio a Lampedusa: 13 donne morte, ventidue persone salvate, anche bambini

16,55 - Sono tredici i corpi senza vita recuperati dai soccorritori dopo il naufragio della notte scorsa al largo di Lampedusa, dove un barchino con circa 50 persone si e' ribaltato. Le vittime accertate sono tutte donne. Tra i dispersi, secondo quanto reso noto dai sopravvissuti, ci sarebbero anche otto bimbi, tra cui una di 8 mesi con la mamma, e due gestanti. Complessivamente durante le operazioni di soccorso sono stati tratti in salvo 22 migranti. All'appello mancherebbero circa 15 persone, secondo una ricostruzione dei sopravvissuti.

14,50 - Salgono a 13 le vittime, tutte donne.

 "Fra i dispersi c'è anche mia sorella con la sua bambina di appena otto mesi". E' quanto racconta una superstite del naufragio avvenuto davanti a Lampedusa. La sopravvissuta è stata salvata nella notte assieme ad altre 21 persone, dopo che il barchino sul quale si trovavano si è ribaltato a circa sei miglia dall'isola. La sopravvissuta racconta e chiede alle autorità, in continuazione, notizie della sorella e della nipotina.

13,05 - Salgono a nove le vittime del naufragio di questa notte al largo di Lampedusa. Ma ci sono purtroppo sette bambini tra i dispersi, probabilmente morti annegati.

Il barchino con una cinquantina di migranti si è ribaltato per il mare mosso mentre era in corso l'intervento di soccorso da parte delle motovedette della Guardia costiera e della Finanza.
I dispersi sarebbero almeno una ventina.


A seguire le ricerche e a coordinare le indagini i magistrati della Procura di Agrigento.

I migranti sono quasi tutti tunisini ma ci sono anche alcuni subsahariani.

Le condizioni meteo sono proibitive.

A chiamare i soccorsi gli stessi migranti che intorno a mezzanotte, dicendo di essere una cinquantina, hanno contattato il centro di ricerca della Guardia costier di Palermo che ha subito avvertito Lampedusa. L'incidente intorno alle 3 del mattino quando, con i mare molto mosso, alla vista delle due motovedette i migranti si sono spostati tutti da una parte dell'imbarcazione facendola ribaltare.

Sono in tutto nove i corpi dei migranti recuperati: oltre ai due cadaveri trovati nell'immediatezza dei soccorsi, altri sette sono stati recuperati in mattinata da due motovedette della Guardia Costiera, dopo essere stati avvistati da un elicottero della Guardia Costiera impegnato nell'attività di ricerca. L'attività di ricerca dei dispersi prosegue. Ventidue i superstiti, già trasferiti in porto.

09,10 -  Ci sono terribili aggiornamenti sulla notizia del naufragio avvenuto al largo di Lampedusa questa notte (qui l'articolo di Tp24). Si teme infatti una strage.

Il naufragio è avvenuto nella notte tra domenica e lunedì. Il barchino, secondo le prime informazioni, era diretto a Lampedusa ma a poche miglia dall’isola siciliana si è capovolto con le 50 persone a bordo finite in mare. Fino a questo momento solo 22 profughi sono stati portati in salvo ed è una corsa contro il tempo per individuare i dispersi. Si parla anche di 8 bambini sull’imbarcazione. Il bilancio dovrebbe essere al momento di quattro vittime. Due corpi sono stati recuperati mentre altri due individuati e presto dovrebbero essere portati a riva. Guardia Costiera e Guardia di Finanza impegnati per salvare la vita ai dispersi in questa lotta contro il tempo.

Sono in corso anche per individuare i motivi di questo naufragio. Secondo le prime informazioni, il barchino di legno (molto probabilmente partito dalla Tunisia n.d.r.) si è ribaltato per le condizioni del mare non favorevoli alla navigazione. L’Italia, infatti, sta facendo i conti con il maltempo e proprio questo ha reso molto difficile il percorso dell’imbarcazione che aveva a bordo 50 migranti. Al vaglio degli inquirenti il racconto dei sopravvissuti per capire se erano presenti anche gli scafisti. Un nuovo naufragio con il Mediterraneo che piange la morte di altre persone.

07,00 -  Una tragedia a poche miglia da Lampedusa: una barca piena di persone si è capovolta. Due donne sono morte, mentre sono ventidue i superstiti, tra loro tanti bambini, portati al pronto soccorso dell'isola. "Il naufragio - racconta il Sindaco di Lampedusa Martello - è avvenuto intorno alle tre di notte". Le condizioni meteo sono in peggioramento, quindi al momento è difficile capire se ci sono altri dispersi. "Al momento si stanno effettuando le ricerche con l'elicottero e le motovedette" continua Martello. 

Secondo i racconti dei migranti, c'erano una cinquantina di persone a bordo del barchino affondato. Quindi all'appello ne mancherebbero ancora una trentina che risultano disperse.

I cadaveri delle due donne sono stati sbarcati sul molo Favaloro alle 4:30 da una motovedetta della Capitaneria di porto. Alle 4:55 altre due motovedette della Guardia di finanza sono rientrate in porto con i 22 superstiti. Le condizioni meteo nel Canale di Sicilia sono in netto peggioramento e le previsioni per i prossimi giorni sono proibitive.