Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
08/10/2019 09:48:00

Evasione fiscale in Sicilia: sequestrati beni per 1,5 milioni ad un imprenditore edile

L'intero pacchetto azionario di una importante società di San Giuseppe Jato (PA) operante sia nel settore edile che in quello della gestione dei rifiuti, 2 autovetture, 1 motocicletta e disponibilità finanziarie rinvenute sui conti correnti aziendali e personali per un valore di 1,5 milioni sono stati sequestrati su delega della Procura della Repubblica di Palermo, dalla Compagnia della Guardia di Finanza di Partinico.

Il provvedimento di sequestro patrimoniale finalizzato alla confisca per “equivalente” è stato emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari di Palermo.

In particolare, al termine di una verifica fiscale condotta dal 2017 al 2018, è emerso che L.S. (classe ‘85), al fine di evadere le imposte, ha omesso di dichiarare ricavi per oltre 2,4 milioni di euro e IVA per circa 500 mila euro, relativamente agli anni d’imposta dal 2013 al 2017, incorrendo nel reato di omessa dichiarazione ed occultamento dei documenti contabili.

L’attività ispettiva, resa ancor più difficoltosa dall’occultamento delle scritture contabili, è stata incentrata dai militari su una serie di controlli incrociati e questionari inviati ai clienti dell’azienda, risultati fondamentali per la ricostruzione del reale volume d’affari conseguito
dall’impresa.