30/10/2019 07:00:00

Contributi per master in Italia e all'estero

Ogni anno l'INPS sostiene, attraverso l'erogazione di contributi a copertura parziale delle spese di iscrizione, la partecipazione a master universitari in Italia e all'estero.

La prestazione è rivolta ai figli o orfani di dipendenti o pensionati iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali e a figli di pensionati della Gestione Dipendenti Pubblici (600 contributi) e della Gestione Assistenza Magistrale (200 contributi) in possesso di diploma di laurea triennale, diploma di laurea specialistica magistrale o diploma di laurea del vecchio ordinamento.

Decorrenza e durata: i contributi sono assegnati per anno accademico con due distinti bandi di concorso, pubblicati sul sito INPS: uno per i master in Italia e uno per i master all'estero.

Decadenza: dopo la pubblicazione della graduatoria degli ammessi con riserva al beneficio, lo studente ha 60 giorni di tempo per accedere in procedura e allegare la documentazione richiesta (iscrizione al master nel bando master Italia, unitamente alle spese di viaggio/alloggio nel bando master estero). La seconda parte della documentazione per il pagamento del saldo dovrà essere caricata in procedura entro 60 giorni dalla conclusione del master.

Requisiti: per poter essere ammesso al concorso, il candidato deve essere in possesso:

• dell'indicatore ISEE per prestazioni universitarie riferito al proprio nucleo familiare, valido alla data di presentazione della domanda.

• del diploma di laurea, sapendo che il requisito di merito (votazione) sarà verificato presso il MIUR.

• di tutti i requisiti previsti dall'ateneo prescelto per l'ammissione al master.

Contributo: il contributo a copertura del costo di iscrizione per i master in Italia è fino a 10.000 euro, per il master all'estero fino a 20.000 euro, comprensivo della quota di iscrizione, delle spese documentate di alloggio e di viaggio internazionale di andata e ritorno per la località estera sede del master.

Quando e come fare domanda: è possibile inviare la domanda solo dopo la pubblicazione del bando. La domanda dovrà essere presentata esclusivamente per via telematica utilizzando il servizio online dedicato (“Domande welfare in un click”), tramite il PIN rilasciato dall'Istituto. L'interessato deve richiedere, se non lo ha già fatto, l'iscrizione alla banca dati dell'INPS Gestione Dipendenti Pubblici.