Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Cookie Policy   -   Chiudi
07/11/2019 12:14:00

Trapani, si finge cliente e deruba una prostituta. Arrestato dai Carabinieri

 Entra in casa di una prostituta con la scusa di volere consumare un rapporto sessuale, poi la minaccia con un coltello, e la deruba. Un furto avvenuto a Trapani a fine ottobre su cui le indagini dei carabinieri hanno portato, oggi, all'arresto di Vito Cicala, Trapanese classe 1980, disoccupato con precedenti alle spalle.


L'uomo si era introdotto nell'abitazione di una donna di nazionalità straniera che esercitava l'attività di “meretricio”, con la scusa di voler consumare un rapporto sessuale a pagamento ma, una volta all’interno, sotto la minaccia di un coltello, si era fatto consegnare tutto il denaro in suo possesso, circa 500,00 euro. Prima di fuggire si era anche impossessato del telefono cellulare della vittima per impedirle di chiamare i soccorsi.

Gli attenti sopralluoghi ed accertamenti svolti dai militari operanti non appena acquisita la notitia criminis , hanno permesso di rinvenire le tracce che l’uomo aveva involontariamente lasciato durante la fuga risalendo a lui in modo inequivocabile.
L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato tradotto presso la Casa Circondariale “Pietro Cerulli” di Trapani, come disposto dall’Autorità Giudiziaria competente.