25/12/2019 20:47:00

Si cerca ancora Angelo Gentile. E' scomparso a Marsala a Gennaio

Si cerca ancora Angelo Gentile. E' scomparso a Marsala lo scorso Gennaio. 

Il fratello ha raccontato che Angelo prima di sparire fece una telefonata proprio a lui nella quale apparve particolarmente disorientato. Non riuscì a dire dove si trovasse ma dopo quell’episodio di lui si persero misteriosamente le tracce ed il suo cellulare smise per sempre di funzionare. “Si sentiva il fiatone che correva, si sentivano i passi sull’asfalto”, ricorda il cugino.

Angelo è scomparso da Marsala dopo un ricovero in clinica e proprio quella sera di gennaio i suoi familiari lo sentirono per l’ultima volta, in quella concitata telefonata in cui sembrava che scappasse da qualcosa o da qualcuno. La madre Maria è chiaramente disperata: “Cercatelo, trovatelo. Mi manca tantissimo. Era attaccato troppo a me. E io a lui”.

Qualche anno fa Angelo si separò dalla moglie. Oltre alla famiglia vive della passione per la musica e per la natura, da qui l’interesse a fare il giardiniere, fino a quando 5 anni fa perse il lavoro. Questo evento per Angelo fu un duro colpo al punto che cadde in depressione.

La mancanza di lavoro lo rese sempre più fragile e dopo alcune visite mediche Angelo Gentile decise di andare a Marsala per trascorrere una settimana in una clinica. Il 3 gennaio scorso Angelo si trasferisce e nei giorni seguenti sente come sempre la madre. Tutto appare tranquillo fino all’8 gennaio, il giorno prima della scomparsa: “La sera prima lui mi ha parlato un po’. Non mi è piaciuto e gli ho detto ‘Perchè parli con questa voce forte’?”. Sembra particolarmente agitato in modo immotivato. Il giorno seguente risente la madre ma a parlare con la donna è una dottoressa che le chiese chi sarebbe passato a prendere. “Suo fratello, dico. Ho chiesto Angelo come sta? Quando arriva Giuseppe glielo spiega il dottore”. Il fratello si reca a Marsala ma una volta in clinica Angelo non c’era. “Mi hanno detto che passeggiava nel cortile della clinica”, ha spiegato il fratello. L’uomo provò a chiamarlo al telefono ma gli avrebbe risposto in modo confusionale. Il fratello chiese spiegazioni alla clinica con scarsi risultati. In una seconda telefonata, Angelo parla con la dottoressa alla quale le dice che non sarebbe più tornato in clinica. L’unica traccia rimasta in ospedale è la sua valigia ma mancano il pigiama e le pantofole: come mai?