09/01/2020 14:30:00

L'Asp di Trapani: "Nessun declassamento dell'ospedale di Castelvetrano"

L’ospedale di Castelvetrano non è oggetto di declassamento né di operazioni che mirano a depotenziare o addirittura smantellare reparti”, lo ha detto il direttore generale dell’Azienda sanitaria provinciale di Trapani, Fabio Damiani.


“La volontà della direzione aziendale è invece, rafforzare le professionalità del presidio ospedaliero Vittorio Emanuele – ha sottolineato Damiani - dove già a dicembre è stato attivato un nuovo reparto di Ematologia il cui organico è stato addirittura potenziato con nuovi medici. Non esiste alcuna volontà di smantellare i reparti di Rianimazione e Chirurgia, l’unica criticità potrebbe essere la carenza dei medici, ma questa non è una volontà che dipende dall’azienda, che in particolare relativamente all’ospedale di Castelvetrano, ha elevato a 116 i posti letto così come previsto dalla Rete ospedaliera definita dall’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, rispetto ai 112 precedenti, in coerenza con la pianta organica”.

Soddisfatta della notizia anche Eleonora Lo Curto, deputata regionale. “Esprimo apprezzamento per la determinazione dell’Assessore regionale alla Salute Ruggero Razza a mantenere attivo il reparto di rianimazione e diverse unità operative dell’ospedale di Castelvetrano. Tale decisione è il frutto di un’azione corale che ha visto, oltre ai Comuni della Valle del Belice, anche il gruppo dell’Udc a Palazzo dei Normanni e la presidente della commissione Sanità dell’Ars Margherita La Rocca Ruvolo spingere per non smantellare il nosocomio di Castelvetrano. Se da subito cresceranno anche i posti letto nell’ospedale Vittorio Emanuele II lo si deve all’azione fattiva delle comunità locali che hanno detto no a qualsiasi ridimensionamento del presidio che avrebbe messo a repentaglio il diritto alla salute costituzionalmente protetto.

A Castelvetrano la consigliera Rosy Milazzo seppure all’opposizione della giunta ha sostenuto l’amministrazione Alfano nella difesa dell’Ospedale, con la responsabilità che connota chi opera per il bene comune. Ringrazio anche la nostra consigliera di Castelvetrano Rosy Milazzo per l’impegno mostrato e la tenacia nel difendere l’Ospedale. Come Udc abbiamo difeso l’ospedale in tutte le sedi istituzionali confrontandoci con il Governo regionale e l’assessorato alla Salute avendo come obiettivo la tutela dei servizi di assistenza sanitaria nell’area del Belice. Adesso attendiamo un nuovo sì dall’assessore Razza perché l’ospedale di Castelvetrano possa essere correttamente chiamato ospedale della Valle del Belice come richiesto anche dal direttore dell’Asp Fabio Damiani”. Lo afferma Eleonora Lo Curto, capogruppo Udc all’Assemblea regionale siciliana.