26/05/2020 22:04:00

Sicilia: morte dei cuginetti D'Antonio, condannato a 9 anni Rosario Greco

Nove anni di reclusione per duplice omicidio stradale aggravato dall'alterazione psicofisica. E' questa la condanna per Rosario Greco, il 37enne che l'11 luglio del 2019 a Vittoria, travolse e uccise davanti il portoncino di casa i due cuginetti Alessio di 11 anni, e Simone D'Antonio di 12. 

Il procuratore di Ragusa Fabio D'Anna aveva chiesto 10 anni di carcere, al termine dell'udienza preliminare, con il rito abbreviato, davanti al Gup Ivano Infarinato che dopo tre ore di camera di consiglio ha letto la sentenza.  

"Hanno ammazzato i nostri figli per la seconda volta", così Toni e Valentina D'Antonio, amareggiati dalla sentenza: "E' assurdo - dicono - chi sale in macchina drogato e ubriaco è un criminale e merita l'ergastolo. Si divertivano a gironzolare per la città in quello stato. Il ministro Bonafede ci aveva promesso che avrebbe cambiato la legge. Deve cambiare la legge, almeno varrà per gli altri, in futuro. Il giudice non ha fatto il proprio lavoro. I ministri si sveglino, gli italiani si sveglino, non si può fare una legge così. Non si può accettare il rito abbreviato, ieri ci lamentavamo del pm ma è stato il giudice a non fare il proprio lavoro. Così non gli ha dato la pena per quel che ha fatto: da 18 è stata abbassata a 9 anni".