26/10/2020 17:20:00

Petrosino, il Bianco Arancio soffre ma nel finale supera 3-2 l'Ustica

In una domenica surreale per tutti, ci hanno pensato capitan Catania e compagni a regalare due ore di emozioni giallorosse e di vibrazioni positive.

Sotto gli occhi di 66 spettatori, che secondo le norme vigenti al momento della gara hanno potuto tifare sugli spalti in assoluta sicurezza, il Bianco Arancio ha regalato una pazza altalena che verrà ricordata a lungo. Onore all'Ustica che ha onorato una lunga trasferta al meglio, ma la vittoria è andata meritatamente al Petrosino.

Il duo tecnico Baiata-Sammartano ha scelto un 4-3-3, con Samateh riferimento in avanti sostenuto da Montalto e Panitteri; in cabia di regia Riccardo Angileri, autore di una prestazione sontuosa.
Gara fin da subito piacevole; il Bianco Arancio punge ma non sfonda. Al quarto d'ora gli ospiti escono dalla tana con un paio di contropiedi pericolosi: per fermare uno di questi, Genovese stende un avversario lanciato a rete a un passo dalla linea dell'area di rigore. La punizione seguente è un arcobaleno perfetto di Antonino Pillitteri che vale lo 0-1. Il Bianco Arancio non ci sta, e riprende a macinare gioco con Angileri che "insegna calcio" in mezzo al campo. All'ultimo minuto del primo tempo, Montalto è l'unico a credere in un pallone strettamente in possesso degli ospiti, e fa bene: tackle scivolato, pallone a Samateh che supera il portiere, mette in mezzo per Panitteri che è chirurgico nel siglare l'1-1 e il proprio secondo centro personale in questo inizio di campionato.

Nella ripresa, la prima emozione avviene dopo trenta secondi: Panitteri semina il panico, "ma pecca di altruismo" scegliendo di servire Samateh invece che calciare; l'attaccante africano appoggia in rete da due passi, ma il signor Tagliavia della sezione di Trapani annulla il 2-1 per un fuorigioco che non c'era. I locali premono sull'acceleratore, ma sprecano diverse palle gol nitide. L'Ustica si difende come può, ma dimostra nuovamente di essere pericolosissima in contropiede. La partita la "spacca" il neo-entrato classe '99 Vanella. Al 58' penetra da sinistra, entra in area e trova il contatto con il portiere avversario: Tagliavia indica il dischetto. Lo specialista Genovese incrocia bene il mancino, ma il numero 1 palermitano è superlativo nella risposta. Nonostante lo scampato pericolo, però, il portiere usticese continua a protestare per il rigore concesso, e l'arbitro estrae il rosso diretto lasciando gli ospiti in 10. Sull'1-1, in superiorità numerica, il Bianco Arancio non trova il gol e addirittura arriva la doccia fredda: al 72' Savane si imbuca a velocità doppia fra i due centrali e batte Orlandini per l'1-2. I giallorossi continuano a collezionare palle-gol, ma oggi è il giorno di Vanella: al minuto 80' sigla il pari con un rimpallo rocambolesco, e allo scadere pesca il jolly dal suo mazzo firmando il definitivo 3-2, regalando i primi tre punti al Petrosino della stagione 2020-2021.

A fine partita, festa amara per i presidenti Galfano - Parrinello e per i tecnici Baiata - Sammartano: i campionati dilettantistici sono sospesi fino al 24 novembre 2020 dalle nuove norme del Governo volte a mitigare l'emergenza sanitaria. Il Bianco Arancio, però, alla ripartenza, si farà trovare pronto.



https://www.tp24.it/immagini_banner/1605107467-alza-la-tua-visione.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1605287146-selezioni.png
https://www.tp24.it/immagini_banner/1606118777-novembre-2020.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1604651182-jacket-days.gif