24/11/2020 12:15:00

Scoperta un'officina abusiva a Calatafimi. E il titolare prendeva il reddito di cittadinanza ... 

 La Guardia di Finanza ha scoperto un'officina abusiva a Calatafimi Segesta, con il titolare che non solo guadagnava in nero, ma, non dichiarando entrate, percepiva anche il Reddito di Cittadinanza. Ecco il comunicato della Finanza:

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Trapani hanno denunciato un soggetto che beneficiava del reddito di cittadinanza pur continuando a svolgere, in maniera del tutto abusiva, l’attività di manutenzione e riparazione di autoveicoli.

L’attività ispettiva posta in essere dalla Tenenza di Alcamo trae origine da uno dei quotidiani servizi di controllo economico del territorio, durante il quale i finanzieri hanno individuato una proprietà immersa nelle campagne di Calatafimi Segesta, evidentemente disabitata, ma interamente adibita ad autofficina, come dimostravano le numerose strumentazioni e attrezzature presenti.

I successivi servizi di osservazione e controllo hanno permesso anche di rilevare la presenza, all’interno e nelle immediate adiacenze della proprietà, di autovetture ogni giorno diverse, appartenenti a soggetti residenti nel paese di Calatafimi.

Dall’escussione del titolare dell’autoricambi presso il quale il meccanico abusivo si riforniva, è emerso che quest’ultimo era solito acquistare, con cadenza quasi settimanale, ricambi per diversi tipi di autovetture. Anche alcuni proprietari delle autovetture rinvenute, sentiti in atti, hanno confermato che in Paese si sapeva che il soggetto in questione svolgeva lavori di riparazione e manutenzione di veicoli.

Per il meccanico abusivo sono scattate sanzioni amministrative da 5.000 a 15.000 euro per aver svolto l’attività di autoriparatore in assenza delle necessarie autorizzazioni e comunicazioni preventive previste dalla normativa di settore e da 1000 a 8000 euro per non aver istituito e tenuto i libri e i registri obbligatori.

Per impedire la prosecuzione dell’attività, si è, inoltre, proceduto al sequestro amministrativo di tutte le attrezzature da lavoro.

Ulteriori e più mirati accertamenti, effettuati nei confronti del calatafimese, hanno permesso di scoprire poi che lo stesso, da novembre 2019, percepisce indebitamente, nella misura di 500 euro mensili, il cd “reddito di cittadinanza”, avendo attestato falsamente nella domanda di ammissione al beneficio, di essere “non occupato” pur conseguendo redditi da lavoro
autonomo derivanti dall’esercizio abusivo dell’attività di meccanico.

Il soggetto è stato, dunque, denunciato all’Autorità Giudiziaria competente e la sua posizione segnalata all’INPS per la sospensione e revoca del beneficio, unitamente al recupero delle somme indebitamente percepite, ad oggi pari a 6.000 euro.



  • Tp24 Tv
  • RMC101
  • Podcast
  • Inchieste
https://www.tp24.it/immagini_banner/1611748739-volkswagen-polo-e-t-cross.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1610729970-gennaio-2021.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1608550846-aquapur-2021.gif