16/07/2021 07:25:00

Marsala, primi casi di variante delta. Una vittima

11,00 -  Secondo caso di variante delta accertato a Marsala. Dopo il caso dell'uomo, ricoverato in ospedale e deceduto qualche giorno fa, la positività al tampone per la temuta variante indiana del Covid è stata riscontrata in un altro paziente. Si tratta di uno dei soggetti, un uomo marsalese di 58 anni, ricoverati in terapia intensiva. La sensazione è che tra qualche settimana la variante indiana, più contagiaosa delle altre, sarà dominante.

Sale la preoccupazione. Il Commisario dell’emergenza covid a Palemo è molto preoccupato: “Non siamo dei visionari, purtroppo la situazione sta diventando problematica. In poche ore di tracciamento, nell’hub della Fiera del Mediterraneo, abbiamo trovato circa venti positivi. Non accadeva da tantissimo”.

Arrivano inoltre notizie di focolai scaturiti dai tanti matrimoni celebrati in queste settimane. Tra l'altro, l'ingresso ai matrimoni dovrebbe essere consentito solo con il green pass, ma, di fatto, non ci sono controlli.

08,00 -  La variante delta è arrivata anche a Marsala. In ospedale, infatti, è giunto l'esito del tampone specifico elaborato a Palermo su una delle ultime vittime di Covid del "Paolo Borsellino". E l'esito è stato: variante delta.

Il soggetto era un uomo di mezza età (meno di 60 anni), marsalese, con qualche lieve patologia, che aveva fatto una sola dose di vaccino. Così come una sola dose di vaccino hanno fatto gli altri due ricoverati in terapia intensiva in ospedale, intubati, entrambi gravissimi. Anche per loro si farà il tampone specifico per la variante indiana. Sono anche loro persone di mezza età. 

La variante delta è, quindi, anche tra noi. 

"E' impressionante - dicono i medici - non solo la facilità di contagio della variante del coronavirus, ma anche come un soggetto si sia aggravato e sia fino da casa sua alla rianimazione in sole 24 ore".

L'invito, dunque, è sempre quello: completare la vaccinazione, perché è l'unico modo per avere uno scudo dalle forme più gravi della malattia. 

"Non solo - aggiungono ancora i medici - non bisogna sottovalutare il pericolo Covid. In giro c'è un clima di grande rilassamento, e invece ora più che mai bisogna stare attenti". 

Qui raccontiamo quello che accade in Sicilia, dove ieri c'è stato un boom di contagi.

Qui la situazione in provincia di Trapani. In una settimana i contagi sono aumentati del 44%.



https://www.tp24.it/immagini_banner/1633612230-love-moschino.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1633935491-ottobre.jpg
https://www.tp24.it/immagini_banner/1633533095-istituzionale-ottobre.jpg
https://www.tp24.it/immagini_banner/1633535629-istituzionale-ottobre.gif
<