Quantcast
×
 
 
25/04/2022 08:00:00

Marsala: l'AST critica il raddoppio della tassa di soggiorno 

Ci sono le prime reazioni e polemiche a Marsala sul raddoppio della tassa di soggiorno decisa dalla Giunta del Sindaco Massimo Grillo. L'AST, Associazione Strutture Turistiche, a firma del suo presidente Gaspare Giacalone, ha inviato una nota al presidente del consiglio comunale e a tutti i consiglieri comunali, prospettando quelle che saranno le conseguenze dovute all'aumento della tassa, un colpo durissimo per le attività turistiche già messe a dura prova dopo due anni di pandemia. Giacalone chiede al presidente Sturiano di essere ascoltati in commissione o in una riunione prima di discutere la delibera. Di seguito la nota completa:

 "In data odierna, dopo le belle notizie circa l’aumento dei turisti nella settimana di Pasqua, arriva” la mazzata che azzoppa” la promozione turistica tanto decantata. La tassa di soggiorno, su proposta dell’Amministrazione Comunale, deve essere raddoppiata. Il solo annuncio, se ci fosse una Borsa del Turismo, farebbe colare a picco le quotazioni del brand “Marsala”.
Dopo due anni di incertezza economica a causa del Covid ed ora con tutti gli aumenti sulle bollette (gas, luce, trasporti) l’annuncio dell’Amministrazione Comunale serve proprio a scoraggiare (anche a livello psicologico) quelli che avevano intenzione di passare qualche settimana a Marsala: infatti, oltre agli aumenti noti per le calamità internazionali, s’annida nella mente delle persone: chissà quanto saranno rincarati tutti gli altri servizi (ristorazione, intrattenimento, visite guidate, ecc.). Per i cittadini marsalesi sarà una brutta stagione. Ci chiediamo: proprio col turismo devono essere rimpinguate le casse comunali? L’Amministrazione Comunale non pensa che il turismo è una ricchezza per tutto il territorio? Infine l’AST vuole precisare che la tassa di soggiorno è una tassa di scopo, prevista dalla legislazione nazionale.
Lo scopo è quello di migliorare i servizi turistici (accoglienza, trasporti da/per i luoghi di interesse, pulizia e manutenzione dei luoghi, sicurezza sulle spiagge e nelle zone di ritrovo serale). Non serve assolutamente per metterla nel “calderone generale”; dovrebbe essere gestita dall’Amministrazione su proposta degli albergatori, i soli che si fanno carico di raccoglierla, rendicontarla e versarla nelle casse comunali, con scadenze perentorie. Alla luce di quanto sopra l’AST, l’Associazione alberghiera più rappresentativa a Marsala, esprime tutta la sua indignazione per la scelta dell’Amministrazione e CHIEDE al Presidente del Consiglio Comunale, che, prima di inserire all’ordine del giorno la delibera, sia ascoltata insieme ai suoi Associati in Commissione o in una riunione ad hoc, per poter meglio rappresentare le proprie perplessità. L’AST si riserva di promuovere iniziative, tendenti a sensibilizzare altri operatori del settore turistico. Dal punto di vista pratico l’aumento del 100% della tassa di soggiorno potrebbe spingere altri soggetti, oltre quelli che già operano al limite della legalità, di occultare numero di clienti e numero di giornate, vanificando l’atteso maggior introito".



EA2G | 2023-02-02 08:01:00
https://www.tp24.it/immagini_articoli/24-03-2021/1616566080-0-etna-un-altra-eruzione-fontane-di-lava-e-boati-il-video.jpg

Incentivi del PNRR a favore delle imprese turistiche

Dal primo marzo parte il nuovo incentivo per favorire la competitività delle imprese turistiche in un’ottica di digitalizzazione e sostenibilità ambientale. La misura ha una dotazione finanziaria di 1 miliardo e 380 milioni di...

https://www.tp24.it/immagini_banner/1674726256-ascolta-rmc101.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1675160323-the-art-of-espresso-febbraio.gif
<