Quantcast
×
 
 
22/02/2024 06:00:00

Marsala. Grillo sommerso dalle critiche in consiglio comunale: "Ci avete preso in giro"

Seduta fiume in consiglio comunale a Marsala, mercoledì pomeriggio, in discussione c’erano le interrogazioni. Presenti in Aula tutti gli assessori, il sindaco Massimo Grillo e i dirigenti dei vari settori.


Tra i primi interventi quello del consigliere di MPA Pino Ferrantelli: “Non abbiamo più tolleranza: zone al buio, approvvigionamento idrico in alcune zone periferiche ogni 15 giorni, la questione del Teatro Sollima oggi con difetti enormi. Palazzetto dello sport, arriva da qualche componente del circolo di FdI, stesso partito dell’assessore, la critica sulle condizioni del palazzetto, così come il fondo del campo”.


Ferrantelli poi chiosa: “I cittadini sono stanchi”, ed effettivamente lo sono davvero soprattutto quando il verbo del fare è declinato al futuro.
L’intervento di Rosanna Genna è stato incisivo: “Lei a me non deve nulla ma alla città si. Lei e l’assessore Agate ci avete preso in giro. Chi vuole venire a Marsala non ha un programma estivo, non c’è nel sito nemmeno la processione. Andate alla Bit e non sapete nemmeno rappresentare la città. Ci venite a chiedere l’aumento della tassa di soggiorno senza alcuna programmazione, dove vogliamo andare”.

Sposta poi il focus sul verde pubblico e sulla sicurezza in città: “Non è stato fatto nulla sulla via vecchia via Mazara. Non c’è sicurezza”.
La Genna poi con atto provocatorio ed ironico prende una confezione di nutella e la regala alla giunta: “Così vi mettete in forze”.

 

 


Sul turismo ha risposto l’assessore Salvatore Agate: “I volantini e tutto il resto viene gettato quello che resta sono le immagini visive. Noi abbiamo relazionato su tutto quello che è stato fatto. Andare fuori e per l’investimento economico messo in campo ci riteniamo soddisfati”.
Tutte le altre interrogazioni riguardano la manutenzione del verde, la mancata illuminazione, il disastro delle strade, la non sufficiente sicurezza.

A rispondere sulla impiantistica sportiva è l’assessore Ignazio Bilardello: “Consiglieri Ferrandelli lei non c’è mai stato al palazzetto dello sport, lei diffonde notizie alla città e non fa bene, la gente non è stupida guarda e ascolta. Avevamo un campo a Strasatti adesso affidato, lo stesso stiamo facendo con il campo di Paolini. La piscina comunale ce l’hanno consegnata in condizioni pessime, la piscina è stata affidata ad una associazione e per riaverla abbiamo agito in giudizio, questa gente stava lì non pagando nulla accumulando debito. E’ stata solo recuperata la fideiussione di 100 mila euro. Sapete bene tutto quello ce abbiamo fatto”.

L’intervento finale del sindaco Massimo Grillo è stato di natura amministrativa nella prima parte: “Mi sarei aspettato oggi di parlare anche di cose di carattere strategico, di indirizzo da parte del consiglio comunale, di ordinaria amministrazione. Ci sono tanti lavori appaltati che riguardano il PNRR. Perché non ci interroghiamo insieme, amministrazione e consiglio, su che tipo di indirizzo dare sulle opere strategiche da fare? Trentuno milioni di euro non possono essere improvvisati, dobbiamo utilizzarli insieme, decidere insieme”.

Il sindaco parla poi dei lavori di consolidamento che avverranno al lungomare Boeo, per il digitale c’è un milione di euro, 8 milioni per la transizione ecologica. I cantieri sono aperti anche nel sociale, gli importi sono di 5 milioni di euro: “Eppure passa il messaggio che questa amministrazione è fallimentare”, poi cita la rigenerazione urbana di alcune parti della città: “Siamo qui a fare apparire il messaggio che l’amministrazione è fallimentare, perché non diciamo con coraggio che ci facciamo in quattro per portare i risultati, dobbiamo essere coraggiosi e parlare con libertà”.
Il sindaco Massimo Grillo poi parla di una ricerca di collaborazione con il consiglio comunale che non ha trovato: “E’ facile fare l’opposizione. Semplice essere qui a colpire e noi ad incassare, però adesso basta. Perchè non parlare dei dirigenti tutti che stanno facendo un lavoro importantissimo per gli Asacom, per la refezione. Vi rendete conto che non ci sono più le risorse ma noi continuano a garantire i servizi? E’ facile colpire e parlare di manutenzione, da dove le prendiamo le risorse? Aumentiamo le imposte? Noi invece in alcune occasioni le imposte le abbiamo ridotte”.

Poi l’intervento di natura politica, i partiti sono tutti divisi al loro interno: “Abbiamo partiti di maggioranza di centrodestra che sono tutti divisi al loro interno, la responsabilità è del sindaco se Forza Italia ha una parte in maggioranza e una parte in opposizione? E’ colpa del sindaco se la Dc ha una parte che vuole collaborare e una parte invece no? O se alcuni gruppi dicono un giorno di volerci essere e l’altro giorno no”.
L’affondo del sindaco è chiaro, per la prima volta meno conciliante del solito: “Mi rendo conto che molti interventi non sono di amarezza per l’interesse della città ma perché non hanno avuto un ruolo, perchè la coalizione ha detto di no. Ci saranno delle buone ragioni, perché non guardare tutto quello che è stato fatto”.


Affrontato in Aula anche il caso Fiocca: “Bastava chiedere ad un solo consigliere della passata consiliatura per sapere come stavano le cose. Sappiamo bene cosa sia accaduto eppure si è pensato che la responsabilità fosse mia, è passato anche questo messaggio. Io per la parte che mi riguarda ho sempre esercitato un controllo preventivo su tutto quello che accadeva nelle selezioni pubbliche. C’è la tendenza a criminalizzare su tutto, nonostante le criticità che abbiamo”.

 

 

 



Native | 2024-04-25 09:00:00
https://www.tp24.it/immagini_articoli/24-03-2021/1616566080-0-etna-un-altra-eruzione-fontane-di-lava-e-boati-il-video.jpg

Aprile dolce Vinitaly - Cantine Bianchi

La partecipazione a un evento come il Vinitaly porta con sé rischi e opportunità, un doppio binario che Cantine Bianchi ha scelto di abbracciare partecipando alla 56^ edizione del Salone Internazionale dei vini e distillati, vetrina di...