26/09/2020 06:00:00

Scuola e Covid. Regione e Comuni cercano di collaborare. Le novità in provincia di Trapani

«Nonostante l'eccezionalità della situazione generata dal diffondersi del Covid 19, le Autorità nazionali e il Governo della Regione hanno prontamente adottato i rimedi legislativi necessari a gestire l’emergenza epidemiologica, limitando il ricorso a provvedimenti amministrativi derogatori in ragione di emergenze non codificate o che coinvolgono, per dimensioni, intere Comunità.

Malgrado il quadro appena delineato, è prassi invalsa che alcune realtà comunali ricorrano all’adozione di ordinanze contingibili e urgenti per imporre misure di contenimento del contagio maggiormente restrittive rispetto a quelle individuate nei vari atti normativi emanati, come ad esempio la chiusura, in tutto o in parte, degli Istituti scolastici e dei nidi comunali».
Lo scrivono gli assessori regionali all'Istruzione Roberto Lagalla, alla Salute Ruggero Razza e alle Politiche sociali Antonio Scavone in una lettera congiunta inviata ai sindaci dei Comuni siciliani.


Nel documento, gli esponenti del governo Musumeci richiamando «la necessità di uno stabile coordinamento inter-istituzionale, anche in ossequio al principio di leale collaborazione che deve caratterizzare l’agere amministrativo» sottolineano il «necessario coordinamento delle azioni a tutela della salute pubblica di concerto con le Autorità sanitarie competenti, le quali ben potrebbero circoscrivere il fenomeno del contagio attraverso l'adozione delle misure previste dai protocolli sanitari consentendo, dunque, la prosecuzione dell’attività scolastica».
In particolare, gli assessori regionali invitano i sindaci «a comunicare alle Autorità sanitarie eventuali criticità che si dovessero rappresentare presso gli Istituti scolastici, di ogni ordine e grado, che insistono sul territorio comunale, astenendosi dall’emanare ordinanze contingibili e urgenti le quali, adottate senza il necessario conforto dei Dipartimenti di prevenzione competenti, si appalesano per la apoditticità delle decisioni ivi assunte». La lettera, diramata poco fa, richiama il decreto legge 19 del 25 marzo 2020, con l’introduzione dell’articolo 3, con il quale «il Governo nazionale ha inteso limitare il potere riconosciuto ai Sindaci di ricorrere allo strumento delle ordinanze contingibili e urgenti per far fronte all'emergenza con misure divergenti da quelle legislativamente imposte». Nel documento, infine, si invitano le Asp a fornire ogni supporto ai sindaci.

 

 

 

TRAPANI SERVIZI IGIENICI PERSONALI ASSENTI
Intanto ci sono stati problemi a Trapani, il primo giorno di scuola, con il mancato avvio del servizio igienico personale presso gli istituti della città.
“Da tempo e per tempo abbiamo trasmesso ai Dirigenti Scolastici le procedure che avremmo adottato in conseguenza del parere del CGA n 115 del 8/5/2020 con il quale è stato definitivamente chiarito che anche in Sicilia la competenza in materia di erogazione di questo importante servizio in favore di alunni con disabilità permane in capo alla Scuola e dunque allo Stato” si legge in una nota del sindaco Tranchida e dell’assessore Abbruscato..
“Questo comporta, senza interpretazioni di sorta, che non esistono allo stato norme che possano giustificare l’intervento dei Comuni nell’assistenza degli studenti che frequentano le scuole comunali”, continua la nota.
“Pur tuttavia, trattandosi di servizio in favore di minori in difficoltà, ai quali di fatto verrebbe negato il diritto allo studio, non ci siamo fermati e, proprio per accelerare le procedure per attivare il servizio in forma “sostitutiva”, abbiamo richiesto e ottenuto, solo in data odierna da tutti i dirigenti scolastici, la necessaria dichiarazione di insufficienza di personale atto all’erogazione del suddetto servizio . Aggiungiamo, altresì, che di questi passaggi è sempre stata al corrente l’ USR della provincia di Trapani, nella persona del Dirigente Dr.ssa Bergonzi .
Pur dispiaciuti del ritardo nell’erogazione del servizio, avendo ricevuto le richieste per nostro intervento in sostituzione e deliberato in data odierna, abbiamo dato - in via sostitutiva ed in danno - disposizione immediata per l’avvio all’assistenza igienico personale”, concludono Abbruscato e Tranchida.

MARSALA UN GAZEBO PER IL PASCASINO
Il Liceo Pascasino di Marsala amplierà i suoi spazi con la realizzazione di un gazebo di 100 mq che sarà collocato nel cortile del plesso di via Falcone.
Il tutto grazie al finanziamento del Ministero dell'Istruzione attraverso ilDecreto legge 19 maggio 2020, n. 34,
Nella giornata di mercoledì 23 settembre è stata, infatti, aggiudicata la gara per la fornitura e messa in opera del gazebo, omologato e a norma, che sarà adibito a spazio didattico polifunzionale per favorire il distanziamento fisico tra gli studenti e che sarà completato entro il prossimo 15 novembre.
L’opera, che costerà 33,000 euro oltre IVA, sarà strutturata in due aree principali, uno spazio per l’apprendimento informale e un altro in cui condividere eventi, presentazioni, meeting, seminari e tenere dibattiti in un setting organizzato.
Qui la notizia nel dettaglio.



SALEMI, COMPLETATI GLI INTERVENTI NELLE SCUOLE
Completati alcuni giorni fa, a Salemi, i lavori di preparazione all'apertura dell'anno scolastico che è stata fissata per oggi in diversi istituti.

Si tratta di interventi decisi dall'amministrazione comunale, guidata dal sindaco Domenico Venuti, con un investimento complessivo di circa 40mila euro.
I lavori, il cui iter è stato seguito dall'assessore ai lavori pubblici Calogero Angelo, hanno riguardato tutti i plessi scolastici della città. Qui nel dettaglio tutti gli interventi.

A Salemi però è allerta per l'aumento del contagio. Ieri tra le famiglie girava un invito a non mandare oggi i figli a scuola, ed è dovuto intervenire il Sindaco Venuti per chiarire la situazione. Ecco il suo post.



MAZARA, LE NOVITA’ SUI TRASPORTI
Trasporto Urbano: Con determina dirigenziale n. 420/2020 del 3° settore comunale “Servizi alla Città e alle Imprese” è stata decisa la proroga tecnica fino al 23 dicembre 2020 del servizio di trasporto pubblico finalizzato al trasporto urbano fra il centro e i quartieri di “Mazara Due” e “Costiera” a favore della società Autoservizi Siberiana, già aggiudicataria del servizio nel dicembre 2019. La proroga è stata concessa alle stesse condizioni contrattuali, nelle more dell’indizione della nuova gara d’appalto triennale, per non interrompere il servizio che è soprattutto utilizzato dagli studenti che frequentano gli istituti scolastici superiori di contrada Affacciata e dai residenti di Mazara Due e Costiera.

L’importo complessivo fino al 23 dicembre è di 20mila euro con il sistema Net Cost. In aggiunta al contributo comunale l’impresa incasserà il costo dei biglietti: 1 euro per tratta unica; 25 euro per l'abbonamento mensile.

- Servizio scuolabus comunali: con determinazione dirigenziale n. 422/2020 del 3° settore comunale è stato affidato alla società Autoservizi Siberiana il servizio sostitutivo per il trasporto degli alunni delle scuole primarie e secondarie di primo grado con due scuolabus. L'affidamento si è reso necessario per assicurare il servizio scuolabus nel territorio in quanto occorrono quattro scuolabus ed attualmente il Comune può contare su due soli scuolabus funzionanti e pienamente efficienti. Pertanto, con l'affidamento alla società Autoservizi Siberiana, potrà essere garantito il servizio scuolabus Trasmazaro 1 e Trasmazaro 2, mentre con i due scuolabus comunali viene garantito il servizio nelle zone Quarara e Costiera. Il costo dell'affidamento è di 20mila euro Iva inclusa da oggi fino al 23 dicembre 2020.

ANCI: “ASSISTENZA DISABILI ANCORA IN RITARDO”
L’Ufficio di Presidenza dell’ANCI Sicilia, riunitosi a Palermo, sollecita l’Ufficio scolastico regionale ad assicurare la funzionalità delle scuole comunali e a garantire l’assistenza igienico-personale agli studenti con disabilità.
“Come ribadito dal parere del CGA n. 115 dell’8.05.2020 con il quale è stato definitivamente chiarito che anche in Sicilia la competenza in materia di erogazione del servizio igienico personale in favore degli alunni con disabilità permane in capo allo Stato – dichiara Leoluca Orlando, presidente di ANCI Sicilia -non esistono allo stato norme che possano giustificare l’intervento dei comuni nell’assistenza igienico-personale degli studenti con disabilità che frequentano le scuole comunali. Tale materia, infatti, risulta essere di competenza dell’Ufficio scolastico, dei dirigenti scolastici e del personale statale”.

“Per l’assistenza igienico-personale degli studenti diversamente abili che frequentano le scuole di pertinenza degli enti intermedi – continua il presidente Orlando - attendiamo le linee-guida da parte della Regione siciliana che definiscano risorse e competenze.

“Riteniamo che vada affrontato tempestivamente il delicato tema della salvaguardia dei lavoratori che nel passato si sono occupati di garantire tale servizio – conclude Orlando - e per tale ragione abbiamo già richiesto un confronto urgente con il Ministero dell’istruzione e con la Regione siciliana, nessuno però può pensare che possono essere i soli comuni ad affrontare e superare tale situazione”.



  • Tp24 Tv
  • RMC101
  • Podcast
  • Inchieste
https://www.tp24.it/immagini_banner/1603277207-renault-clio-hybrid.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1602746785-iniziamo-a-sistemare-ott.gif
https://www.tp24.it/immagini_banner/1603125777-autunno-inverno.gif