×
 
 
10/08/2021 11:36:00

Il disastro della sanità a Marsala. La replica dell'Asp al Sindaco Grillo

 Qualcosa si è rotto. Non c'è più la "santa alleanza" sulla sanità marsalese tra il Sindaco Massimo Grillo, prono ai voleri di Musumeci e di Razza, e l'Azienda Sanitaria Provinciale. Forse il commissario Zappalà è in via d'uscita, come si mormora da settimane, ed è per questo che Grillo, con gran coraggio ..., lo ha preso di mira. Ieri il Sindaco per la prima volta dopo otto mesi dal suo insediamento si è accorto del disastro del pronto soccorso di Marsala, con utenti che sono costretti ad aspettare anche 24 ore (si, avete capito bene, un giorno intero) prima di essere visitati. Un disastro del quale il Sindaco è uno dei responsabili, dato che ha permesso la chiusura dell'ospedale, diventato "Covid hospital" e ha annunciato lavori mai realizzati per il fantomatico "padiglione".

Grillo con il suo staff ha fatto anche delle foto e ha chiesto all'Asp di intervenire. Oggi arriva la replica dell'Asp, che, in una nota, attacca il Sindaco e minaccia di denunciarlo per violazione della privacy. E pensare che andavano tanto d'amore e d'accordo fino a poche settimane fa. Cosa sarà accaduto?

In particolare, si legge nella nota, “Nella piena considerazione delle singole prerogative è da ritenersi che il comportamento del sindaco vada oltre le proprie competenze istituzionali, nonché sia stato compiuto in violazione della normativa sulla privacy.

La direzione, quindi, nello stigmatizzare l'accaduto, con particolare riferimento alla divulgazione sui social di immagini riservate, comunica di "aver dato incarico ad un legale di fiducia per valutare eventuali azioni a tutela dell'immagine aziendale e di avere avviato un'indagine interna finalizzata a verificare quanto denunciato dal sindaco di Marsala”.

Si precisa, inoltre, che “tutti i presidi ospedalieri provinciali, e non solo quello di Marsala, sono stati interessati da una revisione dei propri assetti organizzativi per poter garantire le cure ai pazienti covid e non covid. In questo periodo di grave emergenza pandemica l'azienda sta affrontando tutte le necessità assistenziali e di prevenzione organizzando al meglio il proprio personale e cercando di potenziare gli organici, storicamente carenti in alcune specialità mediche per l'oggettiva difficoltà a reclutare nuovi dirigenti medici. La pressione e lo stress a cui l'azienda è sottoposta da oltre un anno rendono in alcuni casi ancor più evidenti queste criticità organizzative; tuttavia definire il Pronto soccorso di Marsala una "realtà da sottosviluppo'" non è veritiero ed è ingeneroso verso tutti coloro che si stanno prodigando da molti mesi, a cui va tutta la gratitudine della direzione. Pertanto, fermo restando che è in corso di verifica quanto segnalato, la direzione dell'Asp evidenzia ancora una volta l'importanza di abbandonare logiche di contrapposizione campanilistica tra ospedali della provincia. Per innalzare il livello qualitativo dei servizi sanitari nella nostra provincia occorre infatti proseguire nel percorso di costruzione di una rete clinica d'eccellenza, mettendo a sistema l'offerta assistenziale dei vari presidi ospedalieri in una logica di integrazione e non di contrapposizione. È un percorso obbligato se vogliamo rendere attrattive le nostre strutture per i giovani medici e fare in modo che i concorsi non vadano deserti”.

 



Sanità | 2022-05-25 16:11:00
https://www.tp24.it/immagini_articoli/24-03-2021/1616566080-0-etna-un-altra-eruzione-fontane-di-lava-e-boati-il-video.jpg

Due casi sospetti di vaiolo delle scimmie in Sicilia 

 Due casi sospetti di vaiolo delle scimmie in Sicilia. E' l'assessorato regionale alla salute a comunicare che due casi sono sospetti e per i quali si attende il tampone di conferma. Si tratterrebbe di due migranti sbarcati nei giorni scorsi a...