×
 
 
19/11/2021 06:00:00

Selinunte, ecco perché i bambini della prima infanzia non hanno ancora la loro scuola

 Manca l’aula per gli alunni della prima infanzia di Marinella di Selinunte. Dieci bambini (quelli iscritti, anche se a frequentare sarebbero poco più della metà), che non hanno ancora l’età per la prima elementare, aspettano il modulo aggiuntivo nella scuola di via Caboto.

L’ipotesi del doppio turno non è stata vista di buon occhio dai genitori - e forse nemmeno dagli insegnanti - che lo hanno comunicato con chiarezza in una lettera inviata al comune, al Provveditorato e alla dirigente. Sì, perché la soluzione temporanea di spostarsi presso la sala convegni dell’hotel Admeto, grazie alla disponibilità dell’imprenditore Orazio Torrente, ha dovuto fare i conti con il maltempo dei giorni scorsi che, di fatto, ha reso lo spazio inadeguato.

Nella borgata marinara, la piccola classe della scuola San Giovanni Bosco in passato aveva la sua sede nei locali della Stazione ferroviaria, da tempo dismessi. Oggi è in cerca di un posto dove stare.

In realtà questo modulo aggiuntivo, di cui si diceva all’inizio, sarebbe dovuto nascere già a settembre, ad inizio scuola, grazie alla donazione dei deputati dell’associazione Movimento 5 Stelle che aveva messo a disposizione le somme necessarie. I tempi si sarebbero però allungati per problemi autorizzativi.

 

Il sindaco Enzo Alfano ce lo ha spiegato così:

Inizialmente avevamo pensato di costruirla in legno: un’appendice attaccata alla scuola. Gli uffici regionali hanno però disposto di farla in maniera diversa, con dei prefabbricati da assemblare. Cosa che ha comportato altri tipi di autorizzazioni e pareri, che oggi sono stati ottenuti e che dovrebbero essere inviati telematicamente al Genio Civile, credo questo pomeriggio, o al massimo domani. E’ una cosa di cui si stanno occupando dei progettisti esterni, ai quali l’associazione del Movimento 5 Stelle ha dato mandato. Una volta ottenuto il sì del Genio Civile, i lavori dovrebbero iniziare dopo qualche giorno. Nel frattempo abbiamo trovato un’altra sede alternativa, presso l’Hotel Miramare Garzia (la stessa dirigente scolastica, Vania Stallone, l’ha già visitato), in modo da ospitare i bambini per due o tre settimane, fin quando il prefabbricato non sarà montato.”

 

Egidio Morici